Epicurea 3 – Matt Orlando

Matt Orlando - Photo Credits: Epicurea Press Kit
Matt Orlando è oggettivamente un gran bel pezzo di ragazzo.

In foto rende meno che dal vivo, ma dal vivo pensi che questo ragazzone californiano che arriva da Copenhagen sia capace di infonderti grandissima fiducia

In genere agli chef del nord guardo con una punta di diffidenza: un po’ perché mi mancano i fondamentali, un po’ perché credo che il gusto abbia necessariamente a che fare con il ricordo ed io non sono abituata a certi sapori estremi. Non li ho immagazzinati dentro di me, magari associandoli ad un preciso momento della mia vita, un’immagine della mia infanzia o una particolare circostanza di condivisione. Semplicemente non fanno parte della mia cultura: devo andarci piano.

Epicurea maggio 2016

Cavolo Fermentato – Photo Credits: Epicurea Press Kit

Io non lo so, per esempio, se potrei mai amare la cucina di Magnus Nilsson.

Per carità eh, tanto di cappello. Quella è magia, è cucinare con niente e anche il contesto intorno contribuisce a rendere il tutto particolarmente impressivo. Ma la verità è che amiamo più facilmente quel che ri-conosciamo. E non capita solo a me, è così per tutti, il genere umano ce lo insegna continuamente.

Epicurea maggio 2016

Collo di Maiale al Nasturzio – Photo Credits: Epicurea Press Kit

Quindi merita una standing ovation il buon Matt Orlando, con la sua capacità di farmi mangiare qualunque cosa. Ad un tratto, fuori menù, nel bel mezzo di Epicurea al Bulgari Hotel, porta in tavola delle frittelle di sperma di sgombro.

Così, con candore.

Dice che pulendo il pesce s’è trovato al suo interno tantissimo sperma. E mica lo vorrai buttare? Ma nemmeno per sogno! Facciamoci delle frittelle e non pensiamoci più. “Guys, io sono Ammerricano” – sembrava voler dire lo chef – “vanno bene i muschi e licheni, le carote gommose, il pane alle patate fermentate due settimane, l’asparago bianco fosforescente, il nasturzio, i fiori eduli e compagnia bella. Ma alla fine, al fritto si torna”.

Fried is better guys, even if it’s sperm.

(Menzione d’onore al gelato al pop corn di Di Pinto: una roba da stramazzare al suolo.)

Epicurea maggio 2016

Gelato al Pop Corn – Roberto Di Pinto – Photo Credits: Epicurea Press Kit

Please like & share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *